Cosa farai da grande?

I lavoratori della gig economy


Cosa farai da grande? Dai Cultural Studies post coloniali agli umilianti lavoretti precari della gig economy. Come gli intellettuali di Sinistra hanno distrutto le economie nazionali. Quando i comportamenti predatori dell’Imperialismo non sono diversi da quelli delle Economie emergenti dei Paesi in via di sviluppo. La morale: nessun predatore è migliore dell’altro.


            Nel mondo del lavoro dei Paesi bianchi prendere ordini o andare a servizio dai nuovi datori di lavoro non Bianchi è qualcosa di profondamente irritante, offensivo e inaccettabile. Solo dei masochisti servili, liberali rinnegati e progressisti di sinistra, potrebbero gioire nelle condizioni schiavizzanti del lavoro precario o a tempo determinato offerto dalle multinazionali della finanza araba, asiatica o da altri incredibili trafficanti esteri in commerci improbabili.

            Gli sceicchi arabi e i Mandarini cinesi, nel nuovo ordine mondiale, provano sensazioni di potente appagamento a schiavizzare i vecchi padroni bianchi, proponendo i lavoretti precari della gig economy e ricattandoli continuamente con l’alternativa della disoccupazione prolungata. Antropoidi e Mongoli, arricchiti con il petrolio e con il dominio di altri fattori primari della produzione, possono così assaporare pienamente il gusto di questa condizione padronale che le democrazie decadenti offrono gratuitamente tra diritti di uguaglianza universali ed economie in mercati globali.

            Le potenze economiche terzomondiali, emerse dalla fine del colonialismo, anziché fare tesoro dell’esperienza coloniale, evitando di realizzare gli stessi comportamenti di conquista predatoria, procedono ora all’assalto dei territori delle potenze ex imperialiste, acquistandone le economie e occupandone e territori con l’invio di milioni di migranti.

La carovana in marcia verso gli USA

La carovana di Sudamericani che si appresta a sfondare le frontiere per invadere il Nordamerica.

            I Cultural Studies post coloniali, promossi insistentemente in Europa e Nord America dai noti intellettuali di Sinistra, con finanziamenti Sovietici, Cinesi ed Ebraici, hanno plasmato la cultura universitaria, creando opinionisti ed economisti la cui azione ha favorito un progressivo generale impoverimento delle economie dei Paesi bianchi, altrimenti troppo forti e potenti per essere combattute efficacemente in modo diretto e frontale.

            Il colonialismo, vietato ai Bianchi, è permesso in Africa ai Cinesi (landgrabbing), in Palestina agli Ebrei e gli esempi, includendovi anche le migrazioni di massa di voraci consumatori, possono moltiplicarsi in ogni parte del globo. Il colonialismo, dunque, è ufficialmente vietato soltanto ai Bianchi mentre gli altri Paesi possono esercitarlo con la complicità e l’ausilio delle organizzazioni internazionali, sotto forma di aiuti allo sviluppo e altre ipocrisie istituzionali, costruite ad arte da agenzie governative e non governative, dedite a scopi pseudo filantropici e falsamente umanitari. I Cultural Studies post coloniali appaiono niente altro che un elegante complotto ordito per favorire talune economie a scapito di altre.


L’economia è una rassegna di modi di sopraffazione per compiere atti predatori. Occorre formare rapidamente una nuova classe dirigente per affidarle l’incarico di gestire gli “Aiuti allo sviluppo” avendo bene in mente lo scopo dei Cultural Studies post coloniali e il complotto cui erano preordinati.


            La rievocativa parola “colonialismo” è pressoché impronunciabile in pubblico. Mette in allerta gli intellettuali sopra citati e soprattutto coloro che traggono colossali vantaggi dall’avere i Bianchi fuori dai giochi del potere economico. La partita, tuttavia, non deve considerarsi conclusa. Occorre far prendere coscienza che la fine del colonialismo ha generato soltanto regimi ancora più autoritari, violenti o feroci e che gli interventi per ristabilire un ordine mondiale turbato non sono solo urgenti ma anche doverosi.

Il landagrabbing della rapace Cina in Africa

Il landagrabbing della rapace Cina in Africa

            Chiameremo questo “neocolonialismo” come “Aiuti allo sviluppo” avendo bene in mente quale debba essere la classe dirigente che dovrà essere formata per gestire queste organizzazioni. Occorre creare un Tavolo Bianco per discutere di filosofia dell’economia, anziché di piani d’investimento, ripartizione delle spese e bilanci di gestione.

            L’antiimperialismo è uno dei tanti pretesti sofistici con i quali i nemici dei Bianchi ne ledono con successo le prerogative. Le iniziative coloniali sono sempre condannate se realizzate dai bianchi. I medesimi comportamenti di predazione territoriale, realizzati dai non bianchi, anche se le aree di provenienza dei migranti sono tutt’altro che prive di risorse, assumono sempre significati meritevoli, giustificati e umanitari. Le operazioni di destabilizzazione e le successive attività di peace keeping, se sapientemente orchestrate, possono veramente creare le premesse per una pace duratura, a condizione di avere ben intuito l’abbozzo del progetto qui sommariamente delineato e ancora tutto da perfezionare. (Continua…).

L'agenda predatoria, non bianca, sull'Africa.

L’agenda predatoria, non bianca, sull’Africa.

Annunci